Post precedente: arrivare e ambientarsi

Una volta iniziato il nuovo lavoro, ho dovuto ovviamente cercare un appartamento. Non mi interessava cercare casa necessariamente vicino all’ufficio, perché venivo da un lavoro in cui dovevo farmi 60 km all’andata e 60 km al ritorno, perciò non mi disturbava fare la pendolare. Mi ero già fatta un’idea dei tempi di percorrenza della metro da un punto all’altro della città, e quindi mi era sufficiente trovare un appartamento vicino ad una delle fermate.

Lisbona è una città molto frequentata da studenti Erasmus e lavoratori stranieri, perciò c’è molta offerta di stanze in condivisione. Gli affitti per una stanza vanno dai 250 ai 500 € al mese, bollette incluse.

Il problema principale è che spesso gli appartamenti sono molto grandi e quindi si rischia di trovarsi anche con sette, otto coinquilini. Tuttavia, sono molti i portoghesi che mettono a disposizione una stanza della loro casa a prezzi più convenienti.

Anche in questo caso sono stata molto fortunata, perché ho preso la seconda stanza che ho visitato. Sono stata fortunata perché non mi sono dovuta pentire di aver scelto casa così velocemente. Ho trovato un appartamento grande, luminoso, con una meravigliosa vista sul fiume e due coinquilini stupendi.

I siti più utili per trovare casa a Lisbona sono Idealista e Easyquarto (quarto significa stanza in portoghese). Esiste anche Uniplaces, che però funziona come Airbnb, ovvero si paga prima di vedere la stanza di persona, ma se non corrisponde alle foto e alla descrizione si viene rimborsati. Personalmente non mi piace questo sistema, va bene per un appartamento per le vacanze ma se ci dovrò abitare per diversi mesi, preferisco vedere la casa di persona prima di prenderla in affitto, soprattutto per farmi un’idea delle persone con cui dovrò convivere.

Attenzione! Molte case portoghesi non hanno il riscaldamento. Io sono rimasta a Lisbona solo tra primavera ed estate, ma ad aprile faceva ancora un po’ freddo e un po’ l’ho patito in casa. Niente che una felpa e un piumino non possano risolvere, ma se siete freddolosi come me e dovete restare per l’inverno, accertatevi che in casa ci sia un sistema di riscaldamento.

Annunci